Chirurgia Grafica

Disegno, Elaborazione grafica e Fotoritocco

Tributo KJ a Tomas Milian

Posted by KaJu su 11 febbraio 2013


Questo è un mio piccolo tributo al grande Tomas Milian. (Su FaceBook: https://www.facebook.com/events/129620567211788/ )
In questi miei disegni riporterò qualche battuta grezza-romanesca tipica dei personaggi alla Nico Giraldi, Er Monnezza e tutti gli altri che andava interpretando nei film Trash di questo tipo.

Ricordiamo che Nico Giraldi appare in:
Squadra antiscippo (1976)
Squadra antifurto (1976)
Squadra antitruffa (1977)
Squadra antimafia (1978)
Squadra antigangsters (1979)
Assassinio sul Tevere (1979)
Delitto a Porta Romana (1980)
Delitto al ristorante cinese (1981)
Delitto sull’autostrada (1982)
Delitto in Formula Uno (1984)
Delitto al Blue Gay (1984)

Er Monnezza (Sergio Marazzi) invece, appare in:
Il trucido e lo sbirro (1976)
La banda del trucido (1977)
La banda del gobbo (1978)

In altri film compaiono personaggi, sempre interpretati da lui, molto simili a quelli riportati qua sopra per comportamento e vestiario.

Scheda

Il personaggio di Nicola “er Pirata” Giraldi (da non confondersi con le interpretazioni simili di Tomas Milian in altri film, come ad esempio “er Monnezza” o “er Cuculo”) evolve nella caratterizzazione durante gli 11 film in cui è protagonista. Questo cambiamento non è costante, infatti è più marcato nei primi 3 film, per poi diventare sempre più infinitesimale. Quello che invece è perenne, è il processo di “umanizzazione” di Nico. Al contrario dei protagonisti di film dello stesso genere o dei polizieschi puri (tipo quelli dell’ ispettore Callaghan), “er Pirata” non è né un eroe e né un antieroe. Non viene rivestito di nessun compito morale, non deve e non fa, dentro le storie dei suoi film, il classico protagonista che uno ci si aspetta: Mette le corna alla moglie svariate volte e, in “Delitto sull’ autostrada”, decide pure di lasciare la famiglia per stare con una cantante incontrata durante la sua missione (poi ci rinuncia quando si ritrova suo figlio fuori dal bar che lo aspetta dicendogli all’incirca: “A papà, torna a casa, non fare lo stronzo, e mo’ t’ ho detto”; Si accanisce su Venticello (Bombolo) in maniera sadica (poi verrà spiegata la motivazione in “Delitto in Formula Uno”, ossia che da piccolo, era Venticello a dargli gli schiaffi, in quanto più grande di 6-7 anni e quindi ora doveva riequilibrare le cose); Quando viene cacciato dalla Polizia, si deprime e piange (mentre toglie la sua roba dall’ auto di servizio) per aver perso pure la liquidazione; Ecc…
In definitiva un gran bel personaggio, una bellissima “maschera” indossata da un abile Tomas Milian con l’ aiuto di tutti quelli che gli hanno permesso di diventare un romano di Roma di 7 generazioni, in particolar modo il suo stuntman-sosia e Amendola per l’ inconfondibile voce.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: